201510.14
Off
0

Guadagnare sul forex

gudagnare forexIntrodursi nel settore del forex nel tempo libero, assumendolo come hobby, può tramutarsi con costanza e impegno in un mestiere vantaggioso che potrebbe permettere di vivere di solo questa attività molto redditizia. Naturalmente bisogna adottare le giuste strategie e assumersi i rischi del guadagnare sul forex.

Per portare a compimento un trading di successo, bisogna intanto aggiornarsi sui migliori broker attualmente in circolazione
, come eToro, avatrade, plus500, markets.com. Tra questi non vi è uno migliore di un altro, la scelta dipende dalle proprie esigenze. EToro, ad esempio, offre un bonus fino a 8.000 mila euro con un deposito minimo di 50,00€ e una leva 400:1; avatrade un bonus fino a 5.000 mila euro con un deposito minimo di 100,00€ e una leva 400:1, ecc. Bisogna quindi leggere attentamente i dettagli e scegliere l’offerta più adatta alle proprie disponibilità. E’ necessario in ogni caso evitare di affidarsi a broker che non hanno almeno un’esperienza decennale nel settore: per saperlo, si può fare qualche ricerca, per controllare se un particolare broker si sottopone volontariamente al controllo del Governo del proprio Stato di appartenenza. I principali organismi di controllo sono la National Futures Association (NFA) e la Commodity Futures Trading Commission (CFTC) per gli Stati Uniti, la Financial Authority Conduct (FCA) per il Regno Unito, e tanti altri ancora.

E’ necessario fare delle previsioni, guardando le posizioni dei Paesi di riferimento.

Se, ad esempio, si nota che l’economia di uno Stato si sta indebolendo sempre di più, e di conseguenza anche la sua moneta lo sta facendo, allora si dovrà vendere questa moneta in cambio di una valuta di uno Stato economicamente molto più forte;
se si guardano i dati dello Stato dal punto di vista commerciale, bisogna vedere se i beni posseduti e prodotti siano richiesti dagli altri Paesi, favorendo quindi l’esportazione e migliorando economia e valore della moneta;

Se si analizzano i dati politici, durante le elezioni è favorevole per uno Stato che il vincitore abbia un’agenda fiscalmente responsabile, e di norma lo è altrettanto quando il Governo di un Paese allenta le regole per la crescita economica;
si deve tenere conto anche del PIL, dell’occupazione, dell’inflazione, ecc.

Dopo aver svolto le adeguate prove con i Demo disponibili online e mai con soldi veri, se si reputa di essere pronti ad entrare nel mondo del trading online, si dovranno richiedere informazioni sull’apertura di un conto. Esistono conti personali, cioè pilotati dal trader, e gestiti, cioè dove il mestiere viene eseguito dal broker anziché dal trader: per questa ragione è bene scegliere attentamente il broker giusto.

Poi si dovranno compilare i documenti, di solito in formato PDF, ricevuti in precedenza tramite posta o direttamente online. Bisognerà tenere conto delle tasse e dei costi di trasferimento, quindi magari mettersi in contatto con la propria banca.

Si potrà procedere quindi con l’attivazione del conto, quando il broker avrà inviato l’e-mail contenente il link.
Adesso si sarà pronti per la speculazione, ovviamente seguendo i criteri del broker, iniziando con poco capitale, ma sapendo sfruttare operazioni rilevanti sul mercato.